di Noemi Euticchio per MOMENTO SERA

BERLIN, olio, pigmenti e smalti su tela, 40x80cm, 2015

Fuori non piove, ma dentro si. Piove nel cuore dell’artista consapevole, ma anche in quello dell’artista inconsapevole. Inconsapevole di tanta bellezza ed emozione possano di volta in volta suscitare le proprie opere.

«Ciò che ho sempre voluto comunicare attraverso i miei dipinti era ed è il senso del movimento, di qualcosa di non fermo. Il riflesso della persona sull’asfalto  per me era dato dalla luce. Non avevo mai pensato alla pioggia. Poi, quando un altro artista mi ha detto, osservando i miei quadri, “Nel tuo cuore c’è la pioggia”, mi sono resa conto che quello che trasferivo sulla tela era esattamente l’acqua, il riverbero. Ed effettivamente c’è, si percepisce in ogni cosa che ho fatto».

E dunque quale titolo migliore - ispirato peraltro alla celebre frase usata dai giocatori per svelare e capire quali carte abbiano in mano gli avversari - di: “Come Quando Fuori Piove”?
Metafora di questo tempo, contemporaneo, presente ma anche passato, di un passato che non vuole mai andarsene e continua a tormentarci in eterno. Una pioggia costante, che in parte obnubila la vista e affoga l’anima, ma che al tempo stesso illumina proprio grazie a quel piccolo ma ingombrante riverbero. Un riflesso di luce presente in ogni tela. La consapevolezza, conscia o inconscia, che riaffiora latente in ogni situazione, che sia dipinta o già impressa nei nostri cuori. Un percorso intenso e ben amalgamato, grazie anche ad un attento allestimento, che dona alla Galleria Edarcom un’altra luce. Uno spazio diverso in cui perdersi e assaporare la bellezza dell’immagine riflessa. Riflessa nel quadro come in ciascuno di noi. Sì, perché quelle ombre, quelle figure, sempre lievemente e volutamente distorte, potrebbero rappresentare chiunque. Noi, nei nostri più profondi momenti di ombra, così come colei che dipinge nel suo più evidente momento di luce.
Una luce nuova che si evince anche dall’uso e dal ritorno al colore. La speranza di chi, come l’artista, non vuole smettere di sognare. Inquadrature di vita impresse su tela. Una vita, volenti o nolenti, in continuo divenire. Così come l’opera della Stigliano, mai paga di sé, ma sempre – come giusto che sia – desiderosa di comunicare, riuscendoci alla perfezione, nuovi scenari, pronti a riflettere l’umanità tutta. Scatti dipinti su tela di una vita travolgente, mutevole e inarrestabile.

Nessun commento

L'autore non consente commenti a questa notizia